This project has received funding from the European Union’s Horizon 2020 research and innovation programme under grant agreement No 861915.

DiTECTDigital TEChnologies as an enabler for a conTinuous transformation of food safety management systems (EU-CHINA project 861915)

Coordinator; George-John NYCHAS

Riepilogo del progetto

L’ industria agroalimentare è oggi chiamata a far fronte con successo a molteplici sfide e ad operare sotto aspettative apparentemente contraddittorie. Infatti, gli operatori del settore alimentare (OSA), insieme alle autorità di regolamentazione e ai consumatori, condividono la responsabilità di garantire la sicurezza e l’integrità degli alimenti in modo sostenibile, tenendo in considerazione la crescente mancanza di risorse naturali, la continua evoluzione degli stili di vita dei consumatori e le nuove abitudini di consumo. Queste evidenze, realizzate nel contesto di enormi progressi tecnologici, sono di rilevanza mondiale, con particolare importanza per l’UE e la Cina. In questo contesto, considerando che la catena di approvvigionamento agroalimentare rappresenta l’anello più debole e vulnerabile lungo tutta la filiera alimentare, lo scopo del progetto DiTECT è quello di fornire nuovi approcci per l’individuazione, la valutazione e la mitigazione dei rischi biologici, chimici e dei contaminanti ambientali, utilizzando i più recenti progressi tecnologici.

DiTECT prevede di facilitare la creazione di filiere alimentari nazionali ed internazionali trasparenti e affidabili, attraverso un approccio integrativo supportato da tecnologie di autenticazione e tracciabilità all’avanguardia, utilizzabili su tutta la catena alimentare. Per realizzare ciò, DiTECT si concentrerà su 4 filiere alimentari in sistemi pilota (carne bovina e prodotti lattiero caseari, pollame,
alimenti a base di cereali per l’infanzia, acquacoltura) e prevedrà la partecipazione di partner rappresentanti i vari stakeholders del settore agroalimentare Europeo e Cinese (enti di ricerca, industrie, autorità legislative) (Fig. 1).

I rischi che saranno monitorati includono:

  • rischi biologici (Salmonella spp., Escherichia coli, Campylobacter spp., ammine biogene e micotossine);
  • pericoli chimici (metalli pesanti, acrilammide, fungicidi/pesticidi, residui di medicinali veterinari, tossine dei molluschi e antibiotici);
  • contaminanti ambientali (CO2, N2 – NOX, N2O, NH3, CH4, IPA, fumiganti);
  • pratiche scorrette, frodi alimentari, dichiarazioni di marketing fraudolente e adulterazioni.

Fig.1

Sintesi

Il progetto DiTECT si propone come obiettivi (i) esplorare delle esigenze e delle preferenze/richieste dei consumatori, (ii) implementare modelli di sicurezza alimentare specifici per ciascuna filiera, (iii) promuovere la collaborazione e comunicazione tra i diversi operatori Europei e Cinesi, (iv) progettare e sviluppare una piattaforma basata sul Sistema di Gestione della Sicurezza Alimentare “intelligente” (iFSMS), (v) diffondere il modello DiTECT per le diverse filiere alimentari, (vi) rendere le tecnologie sviluppate efficienti ed attraenti per i diversi operatori commerciali delle filiere alimentari e contemporaneamente infondere sicurezza garantendo una riduzione del rischio, (vii) dimostrare e validare i sistemi sviluppati in casi-studio reali, (viii) diffondere e comunicare gli strumenti sviluppati e i risultati del progetto al fine di contribuire alla visione del mercato mondiale dell’UE e della Cina.

Per conseguire tali obiettivi, è stato sviluppato un piano di lavoro di 36 mesi che include 8 pacchetti di lavoro (WP) integrati per la ricerca e l’innovazione:

il WP1 sarà relativo al management e alla gestione del progetto; quattro sistemi pilota verranno progettati (WP2) e i relativi rischi/pericoli saranno individuati e descritti lungo l’intera catena alimentare (WP3), insieme ai protocolli per il loro monitoraggio basati su sensori rapidi e non distruttivi; il WP4 sarà relativo all’archiviazione e gestione dei dati derivati da WP2, WP3 e WP7; la valutazione del rischio basata sui pericoli identificati sarà effettuata nel WP5; e la validazione del iFSMS (sviluppato nel WP6 usando i dati raccolti in WP2-3) sarà effettuata nel WP7; il WP8 sarà dedicato alla comunicazione, armonizzazione e divulgazione dei risultati rilevanti del progetto, per il consolidamento del dialogo UE-Cina.

Ogni WP sarà guidato/co-guidato da esperti nel relativo settore (un partner Europeo e uno Cinese), al fine di garantire una gestione completa delle attività e una circolazione fluida delle informazioni tra i partner coinvolti.

Il progetto DiTECT presenta un potenziale innovativo che risiede nella progettazione e nell’adozione di un approccio interdisciplinare, basato su uno strumento di monitoraggio versatile per processi decisionali pratici e sistemi di allerta precoce, che potrà essere applicato per il controllo qualitativo e quantitativo del rischio e della qualità alimentare lungo tutta la filiera. Saranno sviluppate nuove applicazioni oltre lo stato dell’arte attuale, che permetteranno di predire la qualità e la sicurezza degli alimenti deperibili, indipendentemente dai limiti geografici e dalle condizioni di conservazione dell’intera catena alimentare.

Il nuovo sistema di archiviazione (iFSMS) mira in ultima analisi all’assemblaggio in un quadro olistico completo della qualità e della sicurezza dei prodotti testati, con l’obiettivo di ungo periodo di ampliare l’adozione dei nuovi strumenti tecnologici sviluppati ad altri prodotti alimentari (oltre a quelli studiati).

I risultati del progetto DiTECT, se attuati, permetteranno di ridurre significativamente il rischio biologico/chimico e la contaminazione ambientale. Inoltre, la collaborazione tra le imprese alimentari ed i partner Europei e Cinesi si tradurrà in un rafforzamento della fiducia dei consumatori delle due regioni sulla sicurezza alimentare.

Scroll to Top